Accademia firenze biglietti

Punti da non perdere all'Accademia

Cosa vedere alla Galleria dell'Accademia

feature-box_0

David di Michelangelo

Il David di Michelangelo ha richiesto quasi tre anni per essere completato. Ancora oggi questa scultura è considerata uno dei simboli del Rinascimento. La statua è alta circa 4 metri, originariamente era stata progettata per far parte del Duomo di Firenze. Il David di Michelangelo è attualmente conservato nella Tribuna della Galleria dell'Accademia. È stato collocato sotto un lucernario che sembra incorniciare la statua in una particolare aureola di luce.

feature-box_1

Ratto delle Sabine di Jean de Boulogne

Il ratto delle Sabine è una delle opere più interessanti della Galleria dell'Accademia. L'opera è oggi osservabile nella Sala del Colosso. Il modello in gesso è stato realizzato da Jean de Boulogne (o Giambologna). Il modello è composto da tre figure. L'opera cerca un realismo drammatico impreziosito da intricati dettagli. Le figure impegnate in un movimento a serpentina sembrano muoversi per davvero quando sono osservate da vicino. L'intera oopera è stata ricavata da un unico blocco di marmo. Jean de Boulogne era noto per le sue rappresentazioni del corpo umano e quest'opera è senz'altro uno dei suoi capolavori.

feature-box_2

Incoronazione della Vergine di Jacopo Di Cione

I dipinti su tavola sono un genere molto popolare nei musei italiani, anche se ci sono pochi esempi con la stessa potenza immaginativa dell'Incoronazione della Vergine di Jacopo Di Cione. Il dipinto è stato restaurato nel 2011 e da allora si trova alla Galleria dell'Accademia. Il dipinto risplende grazie alla base dorata su cui è stato realizzato. Furono i magistrati della Zecca a commissionare questo dipinto, e Jacopo Di Cione decise di scegliere l'oro per rappresentare e omaggiare l'entità committente.

feature-box_3

I prigioni di Michelangelo

Michelangelo ha lasciato questa sua opera incompleta, ma alcuni studiosi credono che l'incompletezza dell'opera sia intenzionale e persino necessaria per esprimere appieno l'intento artistico che la sorregge. Gli studiosi ritengono che Michelangelo volesse mostrare l'impotenza degli schiavi lasciando le sculture incomplete. "I Prigioni" è composto da quattro nudi maschili, ovvero Lo schiavo che si risveglia, Il giovane schiavo, Lo schiavo barbuto e Atlante. Queste statue hanno visto la loro lavorazione fermati da ripetute interruzioni: si dice infatti che facessero parte di un progetto ben più grande.

feature-box_4

Albero della vita di Pacino di Buonaguida

L'Albero della Vita di Pacino di Buonaguida attira ogni giorno un grande numero di ammiratori. L'ispirazione principale è il Libro della Genesi, come si capisce dal nome dell'opera: l'intento è quello di ricreare La Genesi e la passione del Cristo. Cristo crocifisso appare sulla superficie di un albero, con diversi rami che si estendono dal tronco. Da ogni ramo dell'albero pendono ornamenti che raffigurano eventi presi dalla Bibbia.

Seleziona i tuoi biglietti

Visita Guidata con Ingresso Prioritario alle Gallerie dell'Accademia
Visita Guidata con Ingresso Prioritario agli Uffizi + Gallerie dell'Accademia
Ingresso Prioritario alla Galleria degli Uffizi & Accademia + Tour di Firenze
Biglietti d'Ingresso Prioritario ai Giardini di Boboli
Biglietti d'Ingesso Prioritario a Palazzo Pitti & Galleria Palatina