Galleria accademia biglietti

Esplora le sale della Galleria dell'Accademia

Esplora il Museo

feature-box_0

Sala del Colosso

Questa parte del museo prende il nome dagli antichi calchi in gesso che vi sono ospitati. La sala del Colosso è stata ristrutturata per l'ultima volta nel 2013. La prima cosa da vedere sono le opere di Domenico Ghirlandaio, Filippino Lippi, Paolo Uccello, Perugino e del Botticelli che troverai sulla parete dell'ingresso. Sulla parete di sinistra si trovano sei esibizioni di pale d'altare risalenti al XV secolo. Queste opere permettono di osservare da vicino lo sviluppo della Scuola d'arte fiorentina. Alla tua destra troverai un calco in gesso del Giambologna. Questa opera è circondata da tre pale d'altare molto dettagliate. Le pale d'altare sono state realizzate da Perugino, Raffaellino del Garbo e Filippino Lippi.

feature-box_1

Galleria dei Prigioni

La Sala dei Prigionieri prende il nome dai quattro grandi nudi maschili opsitati al suo interno. Queste sculture hanno una storia molto intrigante. Le sculture sono state commissionate nel 1505, prima ancora della realizzazione della Cappella Sistina. Le sculture erano originariamente destinate a far parte di una spettacolare tomba per Papa Giulio II Della Rovere. Tuttavia, a metà della sua costruzione, Michelangelo smise di lavorarci a causa di restrizioni finanziarie. Queste sculture furono poi lasciate fuori dal progetto e rimasero quindi a Firenze. Nella Sala dei Prigioni sono presenti anche dipinti di Granacci, Andrea del Sarto, Fra' Bartolomeo, Pontormo e Michele di Ridolfo del Ghirlandaio.

feature-box_2

La Tribuna

Questa parte della Galleria dell'Accademia è forse quella che attira più visitatori in assoluto. Il David di Michelangelo è una delle opere d'arte più notevoli mai realizzate ed è osservabile visitando questa sala. Questa statua è stata uno dei simboli di Piazza della Signoria fin dal suo completamento nel 1504, sfidando le intemperie dell'aria aperta per secoli. Negli anni Cinquanta del XIX secolo, il David di Michelangelo fu finalmente spostato all'interno di una tribuna. In seguito, questa tribuna divenne parte della moderna Galleria dell'Accademia. Il David si trova ora circondato da opere di alcuni dei più grandi artisti come Bronzino, Cecchino Salviati e Allori. L'idea alla base di questa esibizione è quella di mostrare la somiglianza di pensiero tra questi artisti e Michelangelo.

feature-box_3

Gipsoteca Bartolini

La Gipsoteca Bartolini fa parte della Galleria dell'Accademia dal 1784. Il mecenate dell'Accademia di Belle Arti voleva una galleria d'arte che servisse da spazio per lo sviluppo degli studenti dell'Accademia. Questi ordinò di trasformare l'Ospedale di San Matteo in una galleria d'arte. Lorenzo Bartolini, uno dei più importanti professori della storia dell'Accademia, contribuì con i suoi stessi lavori al completamento di questa sala. Anche Pampaloni decise di contribuire con le sue opere all'Accademia. La Gipsoteca Bartolini racconta l'evoluzione dell'arte fiorentina dai tempi del neoclassicismo e del romanticismo.

feature-box_4

Gotico fiorentino

L'ultima sala al piano terra della Galleria dell'Accademia è in stile gotico fiorentino. La sala è composta da tre sale, dedicate rispettivamente al XIII e all'inizio del XIV secolo, ai pittori giotteschi e all'Orcagna e ai suoi fratelli. La prima sala ospita le opere d'arte più antiche che si trovano nella Galleria dell'Accademia. Le opere risalgono al XIII e XIV secolo. Nella seconda sala sono esposte le opere dei seguaci di Giotto, una squadra di artisti che voleva riportare il tema della bellezza naturale nell'arte. Nell'ultima sala sono esposte le opere dei quattro fratelli artisti Andrea, Nardo, Matteo e Jacopo di Cione. Nella sala sono presenti anche alcune opere d'arte restaurate.

feature-box_5

Museo degli strumenti musicali

Una delle sezioni più famose della Galleria dell'Accademia. Il Museo degli Strumenti Musicali consta di oltre quaranta strumenti musicali che un tempo erano una parte indispensabile della corte medicea. La parte interessante è la quantità di lavoro che è stata dedicata alla creazione di questi strumenti. Oltre a vedere gli strumenti, durante la visita del Museo degli Strumenti Musicali si può approfittare dei sistemi per l'esplorazione multimediale.

feature-box_6

Firenze Tra il 1370 e il 1430

Le sale "Firenze Tra il 1370 e il 1430" si trova al primo piano della Galleria dell'Accademia. Recentemente è stata modificata per renderla ancora più interessante per i visitatori. Nella sala è stata allestita una raccolta di opere d'arte della fine del XIV secolo. La prima serie di opere d'arte che vedrai nella sala è dedicata alle pratiche religiose e spirituali locali del periodo. La sala principale è costituita dalle opere d'arte commissionate dalle Gilde Fiorentine, le principali forze politiche della società di quell'epoca. Da non perdere le pale d'altare della salam meravigliosi esempi di architettura gotica.

Seleziona i tuoi biglietti

Visita Guidata con Ingresso Prioritario alle Gallerie dell'Accademia
Visita Guidata con Ingresso Prioritario agli Uffizi + Gallerie dell'Accademia
Ingresso Prioritario alla Galleria degli Uffizi & Accademia + Tour di Firenze
Biglietti d'Ingresso Prioritario ai Giardini di Boboli
Biglietti d'Ingesso Prioritario a Palazzo Pitti & Galleria Palatina